Torna alla home --->
Contattami --->
3

Come si usa Bootstrap, compilarlo e includerlo nel progetto

Bootstrap è probabilmente il più diffuso framework frontend web e viene largamente utilizzato nella creazione di siti, temi, app e sistemi.

Esiste fin dalla metà del 2010 ed era inizialmente solo un piccolo progetto interno di Twitter che poi, nella metà del 2011, venne rilasciato come open source. Da qui fino ad oggi, alla sua versione 5.

Chiunque può quindi scaricarlo e utilizzarne i codici, personalizzarlo ed includerlo nel proprio progetto.

All’atto pratico non è altro che un file CSS e un JS che, anche tramite una CDN, potete inserire direttamente in una pagina HTML e iniziare ad usarne le componenti. Ma usare i file sorgenti, scritti in SCSS, è la vera potenza di Bootstrap.

Infatti, modificando solo qualche variabile, è possibile stravolgere completamente l’aspetto che hanno caratterizzato, e ormai uniformato, moltissimi siti.


Cosa serve:

  • un po’ di conoscenza di CSS, HTML e JS;
  • un po’ di conoscenza di SCSS;
  • un terminale, io uso iTerm;
  • un editor di codice, io uso Atom;
  • un gestore di pacchetti, npm o yarn.

L’obiettivo è quello di creare un file CSS completo, eventualmente compresso e minificato, da poter banalmente includere nelle pagine HTML.

Inoltre, se non si conosce un po’ di SCSS si perde gran parte del vantaggio di usare questa tecnologia: quindi magari date un’occhio alla documentazione.

I file principali

Nella cartella del progetto create un file index.html con un markup di base. Potete prendere ad esempio quello dello Starter Template di Bootstrap stesso, rimuovendo i link ai CSS e JS delle CDN che ci sono dentro.

Creiamo quindi i file SCSS sorgente che poi dovrà essere compilato: lo mettiamo in /dev/styles.scss e per ora lasciamolo la…

Le librerie necessarie

Usiamo un gestore di pacchetti per scaricare tutte le librerie che ci servono: in primis Bootstrap ovviamente.

Lanciate dal terminale yarn add bootstrap@next.

In questo caso io uso l’ultima versione beta di Bootstrap e Yarn come gestore pacchetti. Tutti questi pacchetti verranno scaricati nella cartella node_modules e aggiunti alla lista delle dipendenze nel file package.json nella root del progetto. Quando si inizializza un progetto con questo file, basta lanciare yarn install per installare tutti i pacchetti di cui il progetto necessita e quindi poter lanciare i comandi.

Per gestire la compilazione utilizzeremo Gulp e creeremo un task per compilare il file SCSS: yarn add gulp-cli -g se già non ce l’avete installato globalmente e yarn add gulp per aggiungerlo al progetto.

Configurare Gulp per gestire i task

Se non conoscete Gulp o le sue funzionalità potete vedere un mio vecchio video dove ne parlo 😉.

I plugin di Gulp necessari per la compilazione del file li aggiungiamo alle nostre dipendenze con yarn add node-sass gulp-sass. Se vogliamo anche la sourcemaps del file e minificare il tutto aggiungiamo anche yarn add gulp-clean-css gulp-sourcemaps.

Creiamo quindi il file gulpfile.js e andiamo a creare il task per la compilazione del file SCSS:

const { src, dest } = require('gulp');

// per compilare l'scss
const sass = require('gulp-sass');

// per minificare il css
const cleanCSS = require('gulp-clean-css');

// per creare la sorucemap del file
const sourcemaps = require('gulp-sourcemaps');

// creo il task
function build(cb) {

  // prendo il file sorgente
  return src('dev/styles.scss')

    // inizializzo la sourcemap
    .pipe(sourcemaps.init())

    // compilo il file e mostro gli errori se ce ne sono
    .pipe(sass().on('error', sass.logError))

    // minifico il file
    .pipe(cleanCSS({compatibility: 'ie8'}))

    // completo la sourcemap
    .pipe(sourcemaps.write())

    // salvo il file nella destinazione 
    .pipe(dest('.'));

  // completo il task
  cb();
}

// posso richiamare il task tramite $ gulp build
exports.build = build;

Ci siamo: è ora di lanciare il task per compilare il file SCSS e quindi iniziare a metterci “un po’ di stile”!

Dal terminale lanciamo gulp build ed ecco che nella root del progetto compare un file styles.css

Includiamo il file nella index.html che avevamo già creato:

<link rel="stylesheet" href="styles.css">

Fare lo stile

La prima cosa da fare è includere Bootstrap nel progetto facendo riferimento alla sua posizione in node_modules:

@import '..node_modules/bootstrap/scss/bootstrap.scss'; 

Ora, per personalizzarlo, per prima cosa possiamo andare a sovrascrivere le variabili del sistema di Bootstrap. Se non sapete quali sono e come si chiamano potete trovare il file di riferimento in node_modules/bootstrap/scss/_variables.scss.

Vi consiglio quindi di creare un vostro file in /dev/_variables.scss e quindi includerlo nel dev/styles.scss ma, attenzione! prima di Bootstrap:

@import 'variables';
@import '../node_modules/bootstrap/scss/bootstrap.scss';

Come vedete basta inserire il nome del file senza underscore davanti o estensione.

Ed ora… basta: compilate il tutto, aggiungete regole e stili e altre funzioni e completate il progetto.

Proviamo a fare un test

Modifichiamo solo un po’ di variabili per cercare di dare uno stile un po’ diverso, magari retrò.

  • Cambiamo il colore principale delle componenti modificando la variabile $primary;
  • Togliamo i bordi arrotondati delle componenti modificando la variabile di Bootstrap $border-radius;
  • Modifichiamo anche le tipologie di ombre che ci offre Bootstrap di standard modificando le variabili $box-shadow;
  • Quindi applichiamo lo shadow alle componenti che vogliamo modificare di aspetto estendendo le classi con la classe standard @extend .shadow

Quindi inseriamo nel file /dev/_variables.scss:

$primary: #3fb0ac;
$border-radius: 0;
$box-shadow: 10px 10px 0 rgba(0,0,0,.8);

Mentre nel /dev/styles.scss scriviamo:

@import 'variables';
@import '../node_modules/bootstrap/scss/bootstrap.scss';

.alert, .card{
  @extend .shadow;
}

Finito! Compiliamo di nuovo il file con gulp build.

Ora potete trovare il progetto completo nella mia repository su GitHub, inizializzarlo e usarlo. Che ne pensate?

Costruiamo qualcosa insieme?

Se hai un progetto o un'idea per cui uno sviluppatore come me potrebbe esserti utile, contattami e parliamone!

🤙 Contattami!

Contattami

3 commenti su "Come si usa Bootstrap, compilarlo e includerlo nel progetto"

  1. Bello!
    Una panoramica pratica e compatta per essere operativi nel minor tempo possibile e.. con il minor stress possibile!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *